Jill Cooper

Jill Cooper incorona Milano

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

IN VIA COLA DI RIENZO CI SARA’ LA SUA PRIMA LA PALESTRA 
“STATE BENE CON VOI STESSI E AMERETE PER SEMPRE LA VITA”

Sbarcata in Italia per una semplice vacanza, si è presto innamorata del Belpaese, e così ha deciso di trasferirsi qui. Jill Cooper, regine del fitness, trainer e personal coach di molti vip, romana d’adozione da più di vent’anni, ma spesso anche in quel di Milano per lavoro, settimana scorsa nella città meneghina ha presentato il suo progetto di una palestra, la Super Jump Be Studios, che a novembre aprirà i battenti in via Cola di Rienzo per il grande pubblico.

Cooper perché ha scelto Milano?

“Milano è una città viva, dinamica e sempre in movimento. Inoltre qui c’è il mio braccio destro, Davide Tumiotto, che potrà sempre seguire e monitorare la situazione. In futuro vorrei aprirne altre in tutta Italia e ho già in mente Napoli e l’Abruzzo”.

Jill Cooper durante una lezione
Jill Cooper durante una lezione

Anche qui ritroveremo il suo motto: «Il Fitness è vita»?

“Io preferisco dire: «anima sana in corpore sano» perché se stai bene con te stesso, allora accetterai sempre tutto. Il mio centro non è solo una palestra perché si prenderà cura delle persone a 360°, dallo sport, al cibo, e fino a ritrovare la pace con se stessi. Io andrò una volta al mese a fare la parte psicologica, con delle full immersion, cercando di aiutare le persone dentro di sé. Non sono un guru, che risolve i problemi, perché le persone poi dovranno fare “i compiti a casa” che gli assegnerò e solo così potranno aiutarsi. Spesso le persone si «autodistruggono» perché non sanno accettarsi. Nella mia carriera ne ho conosciuti tanti: il nostro primo obbiettivo deve essere di accettare noi stessi e solo dopo sapremo stare bene con noi stessi”.

Con questa sua filosofia, sparirebbe anche la depressione…

“La nostra società pensa sempre a quello che non ha, che gli manca: ad esempio il lavoro, i soldi, la macchina. Io sono stata in posti dove non c’erano nemmeno le cose essenziali come l’acqua, la luce e molto altro. Queste sono le vere tragedie. Noi, infatti, ogni giorno che ci svegliamo dovremmo essere felici per la salute che abbiamo, il cibo e la vita che ci scorre dentro”.

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *