Giorgia Gregorio in azione (foto di Andrea Gilardi)

Gregorio e il sogno mondiale: “Pronta per il bis iridato”

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

È un mantra e non deve diventare un’ossessione: «Devo ancora crescere tanto e ne ho di strada da fare».

Giorgia Gregorio ha un punto di partenza ben chiaro in testa – l’oro ai Mondiali di Busan nel 2013 (finora) è stato il culmine della sua carriera – ma la 18enne di Lezzeno non si sente per nulla appagata. A dimostrazione di ciò dal 27 ottobre la stella lariana tenterà il bis mondiale a Cancun, in Messico.
Gregorio come va la preparazione?

«Le sensazioni sono positive. Purtroppo con la scuola, e il freddo, non posso allenarmi come in estate. Vado a sciare due-tre volte a settimana per provare la mia run. Per fortuna lunedì 19 ottobre partirò con la nazionale per il Messico: in questo modo avrò una settimana per ambientarmi e allenarmi intensamente in modo da arrivare pronta per le gare».

In Messico dovrà gareggiare negli Open. Si sente pronta per questa nuova categoria?

«Negli Open, rispetto alle categoria Junior, ci gareggiano le migliori atlete del wakeboard. Questo gruppo, infatti, è composto da ragazze di livello assoluto, che praticano anche questo sport a livello professionistico. Da un lato sarà molto dura, ma dall’atro, sarà molto bello ed emozionante potersi confrontare con queste fuoriclasse. A Cancun darò sempre il massimo, senza tirarmi indietro. Solo dopo aver dato tutto, anche senza vincere, sarò contenta».

Giorgia Gregorio durante una run (foto di Andrea Gilardi)
Giorgia Gregorio durante una run (foto di Andrea Gilardi)

Come vede la nazionale italiana?

«Siamo molto forti, ma non voglio sbilanciarmi. Due anni in fa in Corea del Sud dovevamo arrivare terzi nella classifica a squadre, ma alla fine ci siamo classificati quarti dietro i padroni di casa. In Messico Stati Uniti e Australia, oltre ai messicani, ci daranno battaglia. Noi, comunque, siamo coscienti dei nostri mezzi e daremo il massimo».

Che voto dà alla sua stagione?

«A parte gli Europei, sono abbastanza soddisfatta. Ho vinto l’oro ai Giochi del Mediterraneo di Pescara, agli Italiani Assoluti e di Categoria, oltre alla ciliegina sulla torta, il Tour del Lario. Quest’anno è stata una stagione molto impegnativa, ma i fuochi d’artificio devono ancora arrivare».

Gregorio e Caimi oro ai recenti Mediterranean Beach Games di Pescara
Gregorio e Caimi oro ai recenti Mediterranean Beach Games di Pescara

Lei è una delle poche in Italia ad essere sponsorizzata. Come mai?

«Il wakeboard non è molto diffuso da noi e per questo le aziende non fanno i salti mortali per sponsorizzarti. Io grazie ai miei prestigiosi risultati sono riuscita a farmi conoscere e per questo ho trovato sponsor».

Da grande cosa farà?

«Non lo so ancora. Ora devo finire il liceo linguistico, mentre nel frattempo continuo con la tavola. Mi piacerebbe, comunque, rimanere in questo mondo, ma in Italia. Non penso, infatti, che andrò negli Stati Uniti per diventare un professionista ».

Giorgia Gregorio (Andrea Gilardi)
Giorgia Gregorio (Andrea Gilardi)

Photo Credits: Andrea Gilardi

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *