Gianmarco Pajni in azione (foto di Andrea Gilardi)

Pajni e il sogno Mondiale

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

DA MARTEDI’ IL MILANESE SARA’ IMPEGNATO IN MESSICO PER LA RASSEGNA IRIDATA

Un 82/100 alla maturità scientifica, un argento mondiale e un oro e argento agli europei under 21: sembra tanto, eppure, non basta per descrivere l’incredibile 2015 vissuto da Gianmarco Pajni:

“E’ arrivato tutto così in fretta – ricorda il 19enne di San Donato Milanese, comune situato alle porte di Milano-. Finita la scuola, ho avuto subito il Mondiale, e nonostante i pochi allenamenti, ho ottenuto una medaglia veramente inaspettata nelle figure. L’Europeo, invece, ero più preparato e, infatti, mi sono ben difeso”.

Gianmarco Pajni in azione (Andrea Gilardi)
Gianmarco Pajni in azione (Andrea Gilardi)

Ma la stagione sportiva per la stella meneghina non è ancora finita perché fino a domenica sarà impegnato ai Campionati Mondiali “Open” di sci nautico, discipline classiche, al Boca Laguna Ski Club di Chapala, in Messico:

“E’ un sogno che si avvera – prosegue -. A Chapala sfiderò i top skiers più forti del mondo. Al Mondiale Open, infatti, gareggiano i professionisti dello sci nautico più forti sul pianeta. Sarò in gara nelle tre specialità slalom, figure e salto e voglio dare il massimo in acqua. Ho fatto un pensierino anche sulla combinata (disciplina che raggruppa i risultati di slalom, salto e figure ndr)”.

Gianmarco Pajni (Andrea Gilardi)
Gianmarco Pajni (Andrea Gilardi)

A rafforzare la posizione di Gianmarco, il settimo posto mondiale assoluto (e primo degli italiani) nella classifica della combinata con ben 2198,64 punti. La vita di Gianmarco è sempre in movimento e in continuo divenire. Il campione milanese frequenta il corso di ingegneria dell’automazione al Politecnico e, messi da parte i libri (momentaneamente), lo scorso venerdì 30 ottobre è partito per Santo Domingo per allenarsi intensamente per due settimane presso la scuola di Mario Pigozzi:

“Questo periodo al caldo mi è servito – continua Gianmarco -. Purtroppo posso allenarmi bene solo 6 mesi all’anno, tra primavera ed estate, mentre gli americani e australiani hanno la possibilità di sciare per tutta la stagione. In Italia lo sci nautico non si può praticare a livello professionistico e per questo gli scorsi anni diversi college americani mi hanno contattato proponendomi di gareggiare per loro, e studiare con delle borse di studio, una volta finito il liceo. Alla fine, però, ho deciso di restare qui a Milano e di praticare lo sci nautico nel mio tempo libero come passione”.

Gianmarco durante la premiazione ai Mondiali under 21
Gianmarco durante la premiazione ai Mondiali under 21

Photo Credits Andrea Gilardi

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *