Silvia vuole Rio (p.h. brunorosafoto2015)

Silvia e il sogno Rio

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

E’ un mantra e non deve diventare un’ossessione:

«Devo continuare a lavorare e migliorare i miei tempi per qualificarmi alle Olimpiadi».

Silvia Scalia dopo una gara
Silvia Scalia dopo una gara

Silvia Scalia, classe’95 di Oggiono, dopo una stagione a Miami per studiare e nuotare, quest’anno è tornata in Italia ed è subito salita alla ribalta nazionale grazie all’oro nei 100 dorso ai recenti Assoluti Invernali, oltre a due argenti nella distanza dei 50 e 200. Inoltre a sottolineare il valore della 20enne del Team Nuoto Lombardia il crono stampato a fine gennaio al Meeting di Ceresio di 58’’02 nei 100 dorso, tempo che rappresenta la seconda prestazione all time in Italia. Tra una gara e l’altra, e il sogno di ritrovarsi all’Olimpiade di Rio a confrontarsi contro mostri sacri del nuoto come Mireia Belmonte o Katinka Hosszù, Silvia continua ad allenarsi.

«Sarà molto difficile, ma lavoro per questo: il tempo richiesto dalla Federazione nei 100 dorso è al di sotto del record italiano. Solo questo dice già quanto sarà arduo, praticamente bisognerà arrivare dove nessuna nuotatrice italiana è mai arrivata».

Silvia Scalia
Silvia Scalia agli Assoluti Invernali ha vinto i 100 dorso

Le medaglie vinte a dicembre agli Assoluti sono un punto di partenza?

«Naturalmente sono state una grande soddisfazione e, anche lì, una grande emozione ma ormai sono nel cassetto insieme a quelle dei campionati giovanili. Il cammino prosegue, le medaglie fanno parte del passato, sono contenta ma anche attenta a non farmi incantare, il lavoro duro inizia adesso».

Com’è stato il passaggio dalla categoria giovanile ad Assoluto?

«Già nel 2010 mi sono ritrovata catapultata nel mondo dei “grandi”. Ricordo agli Assoluti la finale dei 200 dorso. Un’emozione incredibile, erano i miei primi campionati italiani assoluti, ero in finale, partivo in corsia 5 e alla 4 c’era una fuoriclasse come Alessia Filippi».

 

Silvia vuole Rio (p.h. brunorosafoto2015)
Silvia vuole Rio (p.h. brunorosafoto2015)

Come ti sei trovata a nuotare e studiare in America?

«E’ stata una bella avventura e un’esperienza formativa importante, anche se faticosa. Sveglia alle 4.30 per l’allenamento dalle 5 alle 7.30. Colazione e alle 8.30 a lezione sino alle 12. Pranzo al volo e ancora allenamento dalle 12.30 alle 15.00. Tre volte la settimana palestra e 2-3 volte al mese gare. Il sistema funziona bene, ma non ero soddisfatta del programma tecnico. Alla FIU di Miami non si sono comportati bene: piuttosto che lasciarmi provare per un’altra università mi hanno negato l’autorizzazione ad andare e per questo ho preferito sospendere gli studi e rientrare in Italia. In ogni caso sono contenta di aver avuto un’opportunità simile».

 

La stella di Oggiono ha vissuto un anno negli Usa (p.h. brunorosafoto2015)
La stella di Oggiono ha vissuto un anno negli Usa (p.h. brunorosafoto2015)

Lei è di Oggiono, ma ha scelto di allenarsi alle Manara di Busto Arsizio con Gianni Leoni. La zona comasca è carente?

«In origine la mia intenzione era di rimanere negli Stati Uniti. L’estate scorsa l’ho passata ad aspettare l’autorizzazione al trasferimento da parte della vecchia università, ma quando ho realizzato che le loro erano solo false promesse, mi sono guardata attorno. Nel comasco, in tutta la zona c’è solo una vasca da 50 metri, quella di Como, ma necessiterebbe di un restyling. In tutta la provincia di Lecco c’è una buona disponibilità di impianti da 25 metri ma si sente la carenza di un vero impianto da 50 metri in cui sia possibile sviluppare adeguatamente il nuoto di alto livello. Se ne parla da tanto, speriamo che presto qualcosa si realizzi, tutto il movimento natatorio ne beneficerebbe».

Silvia si allena alla Manara di Busto Arsizio (p.h. brunorosafoto2015)
Silvia si allena alla Manara di Busto Arsizio (p.h. brunorosafoto2015)

Photo credits: Brunorosafoto2015

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *