Onda Seamen (Dario Fumagalli)

Seamen Forza 3

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

I campioni d’Italia ripartono per confermarsi; Mutti: «3° scudetto, ma prima la Champions».

Pronti per ripartire e, possibilmente, stupire ancora.

Ricomincia il campionato di football americano di I Divisione che nel girone Nord vedrà in prima linea i Seamen Milano. I bi campioni d’Italia, infatti, hanno grandi obiettivi per la stagione: dare l’assalto al terzo titolo consecutivo, oltre a cercare di fare più strada possibile in Champions League.

«Non ci sentiamo appagati per i successi – esordisce il numero uno Marco Mutti -, ma sarà molto difficile confermarsi. Il campionato italiano è molto cresciuto di livello perché tutte le formazioni si sono rafforzate. Inoltre siamo la squadra da battere e tutti contro di noi giocheranno la partita della vita. Fino al 16 d’aprile avremo la testa soprattutto sulla Champions per tentare le final four».

I Seamen nella scorsa stagione (Dario Fumagalli)
I Seamen nella scorsa stagione (Dario Fumagalli)

Il blue navy si è rafforzato con due nuovi americani. Salutati Jonathan Dally e Justin Bell, sotto la Madonnina sono sbarcati il quarter back Garrett Safron e l’outside linebacker David Guthrie.

«Sono due ottimi innesti – prosegue il presidente dei marinai -. Entrambi, sulla carta, danno un valore in più alla nostra rosa e rimpiazzano al meglio i due precedenti fuoriclasse “made in Usa”».

La vittoria del Super Bowl nel luglio 2015 (Dario Fumagalli)
La vittoria del Super Bowl nel luglio 2015 (Dario Fumagalli)

Sabato 5 marzo, alle 21, i Seamen romperanno il ghiaccio a Torino contro i padroni di casa dei Giaguari:

«Sarà molto dura – evidenzia l’head coach Paolo Muti -. Garret non giocherà perché ha subito un’operazione al menisco e per questo non possiamo ancora rischiarlo. Utilizzeremo un qb italiano e per questo in attacco dovremo essere precisi, senza troppe sbavature. La difesa, invece, dovrà dimostrarsi solida e cercare di limitare il loro impeto».

L'americano Garrett Safron a fine gennaio sarà a Milano
L’americano Garrett Safron

I marinai sono reduci dal ko esterno nel test match contro le Aquile Ferrara (0-21), ma il tecnico Mutti è fiducioso dei suoi ragazzi:

«La partita è stata molto utile per sperimentare e far girare i ragazzi – sottolinea -. Inoltri tanti debuttanti hanno “assaggiato” per la prima volta il campo della Ifl. Oltre a Garret, molti titolari erano fuori, e per questo la sfida non è stata affrontata con lo spirito giusto da tutti».

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 4 marzo 2016
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 4 marzo 2016

Sabato 12 marzo, invece, i marinai debutteranno in casa contro i Giants Bolzano. Il fortino dei Seamen non sarà più il Velodromo Vigorelli (chiuso per lavori), ma l’Arena Gianni Brera:

«Al Vigorelli eravamo molto legati perché ci allenavamo e giocavamo – conclude Paolo Mutti -, ma anche nella splendida cornice dell’Arena ci troveremo benissimo».

La fase difensiva dei Seamen (Dario Fumagalli)
La fase difensiva dei Seamen (Dario Fumagalli)

Photo Credits: Dario Fumagalli

Le partite della prima giornata in Streaming segui le indicazioni e iscriviti al canale Questa sera Giaguari Seamen
https://www.facebook.com/iflmagazine/photos/a.383646235142313.1073741828.380323812141222/547090628797872/?type=3

 

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *