Luca Giacon 4

La seconda vita di Luca Giacon

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

Il campione è qualcuno che si rialza quando non può. Che si ribella a un apparente destino di sconfitta e scava nell’orgoglio non per contemplare la grandezza passata, ma per trovare la forza di risorgere. Luca Giacon, solo pochi mesi fa ad un passo dall’appendere i guantoni al chiodo, sta per tornare sul ring. Giovedì 21 luglio l’italo-spagnolo, dopo un anno senza match, infatti, affronterà l’ungherese Gergo Vari al teatro Principe di Milano sulle 8 riprese.

Luca Giacon non combatte dal marzo
Luca Giacon non combatte dal 21 marzo 2015 (p.h. profilo ufficiale fb Luca Giacon)

Il boxer della Opi 2000 non combatte dal 21 marzo 2015: quella sera uscì come il re della bomboniera di viale Bligny, pronto per una sfida mondiale a New York, e forte del titolo Silver Wbc dei superleggeri appena conquistato contro il belga Steve Jamoye. Poi il buoi. Luca ha rischiato di chiudere con la grande boxe: prima il distacco della retina dell’occhio destro, poi la lunga “odissea” per riavere la licenza pugilistica:

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 20 luglio 2016
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 20 luglio 2016

«Sono stati giorni davvero difficili» confessa.

Il match del Principe, infatti, rappresenta una “seconda vita” per il 28enne, professionista da quasi nove anni, e che finora ha disputato 29 incontri (27-1-1). In questo momento non figura più in quella classifica a causa del lungo periodo di inattività, ma se vincerà contro Vari, sarà nuovamente inserito ai primi posti.

Il poster del 21 Luglio (p.h. ufficio stampa PBE)
Il poster del 21 Luglio (p.h. ufficio stampa PBE)

«Non ho mai mollato – prosegue – e ho continuato a focalizzarmi su un obiettivo importante come la speranza di tornare sfidante numero 1 della categoria e battermi per la cintura iridata».

Il “Black Mamba”, cosi viene soprannominato, che nel suo palmarès vanta due titoli di campione dell’Unione Europea dei pesi leggeri e il continentale dei pesi superleggeri WBA, è pronto a spiccare il volo. Quella di giovedì 21 luglio sarà la tredicesima manifestazione professionistica organizzata sul ring di Viale Bligny:

Il presidente Cherchi durante un combattimento (p.h. Renata Romagnoli)
Il presidente Cherchi durante un combattimento (p.h. Renata Romagnoli)

«Sono molto orgoglioso di aver portato in Italia – spiega il presidente della Pbe Alessandro Cherchi – e con continuità la formula della Broadway Boxing Series: una serie di eventi che permette ai pugili di talento di fare esperienza, di fronte al loro pubblico, contro avversari di buon livello. I milanesi ormai conoscono la qualità del nostro lavoro e sicuramente riempiranno il teatro anche giovedì. Il teatro di Viale Bligny è ormai diventato la versione milanese del BB King Blues Club & Grill di Manhattan (a New York), un locale da 550 posti in cui si disputano da anni manifestazioni pugilistiche con i giovani più promettenti e ogni tanto, si disputano anche titoli internazionali».

La serata inizierà alle 20 con due incontri dilettantistici, mentre nei pro il sottoclou offrirà ben cinque combattimenti di cui saranno protagonisti pugili molto noti a Milano: il peso massimo leggero Matteo Rondena, il peso medio Catalin Paraschiveanu, il peso supermedio Daniele Scardina e i pesi welter Maxim Prodan e Lilian Vataman.

Daniele Scardina è pronto per il suo debutto in Italia (p.h. profilo personale fb di Daniele Scardina)
Daniele Scardina è pronto per il suo debutto in Italia (p.h. profilo personale fb di Daniele Scardina)

Da Rozzano a Miami con un solo sogno: diventare un pugile professionista. Giovedì 21 luglio, al teatro Principe di Milano, il peso mediomassimo Daniele Scardina debutterà su un ring italiano dopo cinque vittorie consecutive – tutte prima del limite – nel continente americano. Qui la sua storia sull’articolo pubblicato su Il Giorno.

Photo Credits: profilo fb di Luca Giacon.

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *