Europeo 1

Wakeboard: Italia prima della classe all’Europeo in Irlanda

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

Un’onda azzurra conquista l’Irlanda. A Coleraine, dove si sono svolti i Campionati d’Europa e Africa di wakeboard, una disciplina acquatica che nasce dalla «fusione» dello sci nautico e dello snowboard, l’Italia conquista la classifica a squadre con ben 740 punti, davanti ai padroni di casa (475) e alla Gran Bretagna (430). Il successo arriva grazie ai cinque ori, tre argenti e due bronzi conquistati dalla spedizione azzurra, anche se il contributo maggiore vede i lombardi in prima linea con 7 medaglie.

Il ct Buby Caimi
Il ct Buby Caimi

«Ancora una volta, come succede dal 2010, ad eccezione del 2012, ci siamo dimostrati i migliori, ma non dobbiamo sentirci appagati perché il prossimo anno ci saranno i Mondiali» esordisce il ct canturino Buby Caimi.

Nelle “Open Women” la regina è Giorgia Gregorio, classe ’97 di Lezzeno, che con 52.11 punti precede la milanese Alice Virag (50.56) e l’inglese Bryant Charlotte (41.89).

Giorgia Gregorio, oro nelle "Open Women" (p.h. Andrea Gilardi)
Giorgia Gregorio, oro nelle “Open Women” (p.h. Andrea Gilardi)

«Sono molto felice, perché ho riscattato nel migliore dei modi il sesto posto dello scorso anno – commenta -. Sinceramente non potevo chiedere di più. Ci ho messo molto impegno e speravo in questo risultato. Dedico questo successo ai miei genitori, che se anche fisicamente non erano qui, mi hanno sempre sostenuto in ogni mio passo».

Con un oro al collo, e un diploma di maturità in tasca, adesso Giorgia viaggerà in giro per il Mondo per amore del wakeboard:

Il podio delle Open Women
Il podio delle Open Women

«In Italia non esiste il professionismo e non puoi sopravvivere con questo sport – prosegue -. Per questo mi sono presa un anno da dedicare solo al wake. Lunedì 22 agosto partirò per il Canada per i Mondiali WWA e spero di dare il meglio».

Soddisfazione per l’argento anche per Alice Virag:

Alice Virag è al primo anno nelle Open Women (p.h. Andrea Gilardi)
Alice Virag è al primo anno nelle Open Women (p.h. Andrea Gilardi)

«Al primo anno in questa categoria nuova, dove girano le migliori riders del vecchio continente, sono davvero andata bene».

Gli “Open Men” lasciano l’amaro in bocca: il beniamino di casa O’Caoimh David con 79.89 punti precede per un’inerzia il comasco Massimiliano Piffaretti, campione del Mondo 2015, che termina la gara con 79.33 punti.

Massimiliano Piffaretti secondo per un'inerzia (p.h. Andrea Gilardi)
Massimiliano Piffaretti secondo per un’inerzia (p.h. Andrea Gilardi)

Nelle “Junior Womendetta legge l’Italia con la meneghina Chiara Virag (57.56) davanti all’emiliana Claudia Pagnini (48.89) e alla comasca Julia Molinari (40.67).

Chiara Virag la regina delle Junior Women (p.h. Andrea Gilardi)
Chiara Virag la regina delle Junior Women (p.h. Andrea Gilardi)

Anche negli “Junior Men” dominio milanese con l’oro di Lorenzo Soprani (66.11):

Lorenzo Soprani sugli allori
Lorenzo Soprani sugli allori

«E’ stata una finale durissima – racconta -. Tutti erano molto forti e il risultato è stato in bilico fino all’ultimo».

Infine nei “Boys”, dove gareggiano gli under 14, bronzo per il dodicenne lecchese Igor Colombo con 53.78 punti.

L'articolo uscito sulla Gazzetta dello Sport - Milano Lombardia del 15 agosto 2016
L’articolo uscito sulla Gazzetta dello Sport – Milano Lombardia del 15 agosto 2016

Photo credits: Andrea Gilardi

 

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *