Giulia Gorlero ha vinto l'argento con il setterosa a Rio 2016 (p.h. profilo personale fb)

Dall’argento a Rio 2016 a Rozzano: Giulia Gorlero è pronta

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

Partiamo da un fatto: la fame c’è sempre e (forse) è più di prima. Giulia Gorlero, il portiere titolare del setterosa con cui ha vinto l’argento alle Olimpiadi di Rio 2016, è pronta per una nuova sfida. Il numero uno della nazionale, infatti, quest’anno difenderà i pali delle sirene di Rozzano, che il prossimo 15 ottobre debutteranno per la prima volta in Serie A1 in trasferta contro la Sis Roma.
Gorlero cosa la porta al Nc Milano?

Giulia Gorlero ha vinto l'argento con il setterosa a Rio 2016 (p.h. profilo personale fb)
Giulia Gorlero ha vinto l’argento con il setterosa a Rio 2016 (p.h. profilo personale fb)

«La voglia di rimettermi in gioco. Dopo aver raggiunto l’apice in Brasile, giocare con una neopromossa, che conterà molto sulla mia esperienza per salvarsi, mi darà grandi stimoli per affrontare questo nuovo campionato. Inoltre mi ha conquistato anche l’ambiente, perché Rozzano è una grande famiglia e c’è feeling con tutti, dall’allenatore, alle compagne di squadre e con il presidente. Infine la voglia di avvicinarmi a casa. Io sono di Imperia e lo scorso anno stare a Messina è stata molto dura perché ho visto poco la mia famiglia».

Che campionato potrà fare Rozzano?

Giulia Gorlero
Giulia Gorlero crede nel progetto di Rozzano (p.h. profilo personale fb)

«La società si è impegnata per allestire una squadra competitiva, con gli acquisti di Eugenia Pustynnikova, Giordana Iuppa, Carla Comba, oltre a me. Dovremo lottare per confermare la serie A1, ma non abbiamo timori reverenziali verso nessuno. A parte le campionesse d’Italia di Padova, che partono un gradino sopra, possiamo giocarcela contro tutte le altre squadre. La salvezza non è un’utopia, ma bisognerà faticare molto. Ci sarà bisogno dell’aiuto e collaborazione di tutti, a partire soprattutto dai tifosi».

Il tecnico Diblasio le ha consegnato le chiavi della porta, oltre che del gioco…

L'articolo uscito sulla pagina sportiva del Il Giorno (QS) Grande Milano
L’articolo uscito sulla pagina sportiva del Il Giorno Grande Milano (QS)

«Il portiere, stando indietro, è normale abbia una visione di gioco più ampia rispetto ai suoi compagni di squadra. Io normalmente faccio questo già in nazionale, oltre che nel mio vecchio club, e anche a Rozzano farò lo stesso. Anzi ci metterò un qualcosa in più visto che dovrò essere come una sorella maggiore per le mie compagne più giovani e al debutto».

Quest’estate, dopo le Olimpiadi, è stata sul punto di lasciare la pallanuoto. Come mai?

 

Giulia ha anche pensato di ritirarsi (p.h. profilo personaggio fb)
Giulia ha anche pensato di ritirarsi (p.h. profilo personale fb)

«Il nostro sport è stupendo e ti regala emozioni incredibili, ma purtroppo non si può vivere di solo pallanuoto. Per questo guardo avanti e continuo i miei studi in psicologia tramite l’università telematica eCampus».

Dopo aver iniziato a giocare ad Imperia, potrebbe anche chiudere la sua carriera nella sua città natale?

 

Tornare a Imperia? chissà... (p.h. profilo personale fb)
Tornare a Imperia? chissà… (p.h. profilo personale fb)

«Ad Imperia ho vissuto anni bellissimi, fino al 2015 quando ci siamo lasciati male. Non so niente per ora e preferisco giocare ancora il più a lungo possibile».

Photo Credits: profilo personale Fb.

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *