Armen 1

PetrosyanMania, terza edizione: «Il nostro show darà spettacolo»

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

«PetrosyanMania»: un nome, una garanzia. I fratelli Petrosyan, Armen e Giorgio, campioni mondiali della kickboxing e k1 e che vantano amicizie dello star-system come il rapper italiano Emis Killa o il calciatore del Nizza Mario Balotelli, per una volta “svestono” i panni dei combattenti e indossano quelli da manager. Si perché sabato 25 febbraio, nella suggestiva cornice del Hurricane Club di via Magenta 75Boffalora Sopra Ticino, alle porte di Milano, andrà in scena la PetrosyanMania 3. Una kermesse, che a un solo anno dalla sua nascita, raccoglie già numerosi appassionati di kickboxing, savate e mma:

Il poster dell'evento
Il poster dell’evento

«Dopo due edizione al Teatro Principe di Milano – spiega Armen, principale organizzatore della kermesse – abbiamo deciso di cambiare location: l’Hurricane Club è un palazzetto più grande che può ospitare fino a 700 persone. E abbiamo esaurito tutti i posti già una settimana prima. E’ un buon segno perché “vuol dire che la gente ci apprezza e ci premia”. Noi non li deluderemo».

La serata si annuncia ricca: si parte alle 17 con 12 incontri dilettantistici, tra cui otto portacolori del Team Leone Petrosyan, la palestra gestita e portata avanti dai fratelli Petrosyan. Dopo questo antipasto, dalle 20 saliranno sul ring i professionisti. Qui, nei -77 kg, quattro combattenti si sfideranno sulle tre riprese e il vincitore otterrà il pass per il prestigioso “Oktagon”, che si svolgerà il prossimo 8 aprile a Torino.

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 23 febbraio 2017
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 23 febbraio 2017

Preannunciano i fuochi d’artificio l’incontro di mma, nei -80 kg, dove in due riprese da 5 minuti Guido Iaquinta (Team Pieropan) sfiderà Iuri Lapicus del Team Leone Petrosyan, oltre ai due titoli italiani sulle cinque riprese da 3 minuti: nei -60 kg Matteo Di Luca sfiderà Rustam Vyntu, mentre nei -73 kg Mattia Solarino, discepolo dei Petrosyan, si contenderà la cintura con Marco Ronchetti del Team Mushin.

Armen sogna già la PetrosyanMania 4 ( p.h.
Armen sogna già la PetrosyanMania 4 (p.h. Wagner Mela)

Infine gran finale dove nel clou ci sarà l’incontro internazionale, nei -70 kg, con l’armeno Tigran Movsisyan portacolori del Team Leone Petrosyan opposto a Mitat Isteri (Fight Clubbing) su tre riprese da tre minuti.

Giorgio e Armen sono amici di Emis Killa e Mario Balotelli (p.h. ufficio stampa)
Giorgio e Armen sono amici di Emis Killa e Mario Balotelli (p.h. ufficio stampa)

«Lo scorso anno – prosegue Armen -, abbiamo creato la PetrosyanMania, in comune accordo con Carlo Di Blasi, il padre di Oktagon, per dare la possibilità ai più giovani di poter combattere e mettersi in mostra. Inoltre è una porta d’accesso per Oktagon, il sogno dove tutti vorrebbero partecipare, e dove pure io e Giorgio torneremo a combattere ad aprile».

PetrosyanMania 3 è in rampa di lancio, ma Armen è già al lavoro per la quarta manifestazione:

«Non posso ancora svelare nulla – confessa il campione -, ma si svolgerà in autunno e ho quasi trovato gli sponsor. Il mio sogno è di poter organizzare un grande evento internazionale, in palazzetti da 5-10.000 persone, dove nel clou ci possa essere un combattimento di livello anche per mio fratello Giorgio».

L’articolo uscito su Mi-Tomorrow.

Photo credits immagine in evidenza: Wagner Mela Photography.

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *