Tennis d’arte

Andare in chiesa… per giocare a tennis. A San Paolo Converso, in piazza Sant’Eufemia, nella sede dello studio Cls Architetti, l’artista americano Asad Raza, classe’74 di origini pachistane, ha installato un campo in pvc arancione, ampio 175 meri quadrati, tra sculture e affreschi barocchi dove i visitatori sono invitati a giocare a tennis in un clima rilassato e assaporare il tè al gelsomino. Sui muri sono presenti le storie di San Paolo, affrescate da Giulio e Antonio Campi, che affascinarono anche Caravaggio. Si chiama Untitled (plot for dialogue), l’ultima provocazione dell’artista americano di origini pachistane.

Raza, come mai quest’opera?

01«Intanto non è una provocazione. Ho voluto creare un’esperienza meditativa basata su un dialogo in uno spazio dove la comunicazione che era abituale vedere era unilaterale e da parte di autorità superiori (Dio). Ho pensato nella bellezza dell’esperienza di meditazione durante una partita di tennis, tra un colpo e l’altro. Così ho creato una situazione dove il visitatore può provare questo, con l’aiuto dell’allenatore, e con il tè al gelsomino da bere quando sono assetati per la loro attività, e un profumo che pervade l’atmosfera per assaporare il momento con altri sensi. E’ una via contemporanea per cercare un’empatia di comunione con altre persone, con il corpo e i sensi».

Come mai ha scelto il tennis e non un altro sport?

03
«Amo il tennis e lo conosco molto bene: sono partito da una mia riflessione personale sulla dinamica della palla da tennis e del suo essere fatta rimbalzare avanti ed indietro attraverso un campo. Questo movimento produce una sospensione, direi quasi uno stato meditativo. Chiunque può raggiungere questo stato».

Con quest’opera gli spettatori diventeranno parte integrante dell’opera?

05«Si perché interagiranno con l’opera quando giocheranno a tennis».

 Che cosa rappresenta per lei il gioco?

06
«L’esperienza del gioco è qualcosa che gli tutti gli esseri viventi condividono: tutti gli animali giocano. Spesso giocano maggiormente quando sono giovani, perché attraverso il gioco imparano a utilizzare il proprio corpo e a coordinarlo».

Quanto ha influito Milano nella nascita di Untitled?

L'articolo uscito il 29 novembre 2017 su Mi-Tomorrow
L’articolo uscito il 29 novembre 2017 su Mi-Tomorrow

«Molto. Mi piacciono molto tutti gli aspetti artistici, stilistici, di cultura globale e alta cultura milanese. L’opera è stata completamente ispirata dallo spazio Converso e da Alexander May, il quale mi aveva chiesto di creare appositamente un’opera per questo luogo».

Photo Credits: ufficio stampa Converso.online

L’articolo uscito su Mi-Tomorrow.

Grande pugilato a Cinisello Balsamo in memoria dell’indimenticato campione Clemente Meroni

NEL CLOU L’IMBATTUTO ITALOUCRAINO MAXIM PRODAN (11-0-1) SFIDA IL SERBO ZELJKO KOVACEVIC (9-6-1).

Da un mito all’altro il passo è breve. Chi sogna di fare la storia del pugilato italiano, dovrà prima fare i conti con la storia, lì dove si scrisse a lettere di fuoco a partire dagli anni’30. La manifestazione della nobile arte di sabato 25 novembre (dalle 19) del Palasport di Cinisello Balsamo – organizzata dalla società di casa Rocky Marciano e dall’Opi Since 82 di Salvatore Cherchi – è dedicata alla memoria di Clemente Meroni, pugile di grande valore originario di Cinisello Balsamo. Meroni è stato campione d’Italia dei pesi medi nel 1933-34 ed ha affrontato i più forti pesi medi e mediomassimi della sua epoca, come il francese Marcel Thil che divenne campione del mondo. Il pugile di Cinisello chiuse la sua carriera nel 1936 dopo aver sostenuto 57 combattimenti: 27 vinti, 5 prima del limite, 23 persi e 7 pareggiati.

Il presidente Cherchi durante un combattimento (p.h. Renata Romagnoli)
Il presidente Cherchi durante un combattimento (p.h. Renata Romagnoli)

«Vogliamo che i giovani conoscano un pugile che era molto popolare negli anni trenta del novecento – spiega il presidente Pbe Alessandro Cherchi – e che ha contribuito a fare la storia della boxe italiana. Clemente Meroni non ha mai avuto paura di combattere all’estero contro l’idolo locale e spesso aveva meno esperienza del suo avversario.  Inoltre, non ha mai perso prima del limite».

Nel clou, l’imbattuto peso welter Maxim Prodan (11-0-1) affronterà il serbo Zeljko Kovacevic sulla distanza delle 8 riprese.

Saliranno sul ring anche il padrone di casa Donatello Perrulli (2-0 peso superleggero), il peso medio Samuel Nmomah (4-0), il peso massimo leggero Matteo Rondena (6-3) e i pesi supermedi Ivan Zucco (al debutto) e Vadim Gurau (3-2). I biglietti costano 15 Euro (tribuna) e 25 Euro (parterre). Sono disponibili presso l’Opi Gym e la Società Pugilistica Rocky Marciano.

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 24 novembre 2017
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 24 novembre 2017

Photo Credits immagine in evidenza: Lorenza Cerbini

Il Freeski pronto a stupire al Parco Experience Milano

Dopo lo spettacolo dello snowboard, al Big Air Milano arrivano le sfide del freeski – competizione dove gli atleti hanno dei particolari sci con i quali compiono delle evoluzioni – con la Coppa del Mondo al Parco Experience. Il freeski non è ancora una disciplina olimpica, ma la città della Madonnina è una delle tre tappe nel calendario della competizione insieme a Moencheglabach, in Germania, e Québec in Canada.

Milano è una delle tre tappe di Coppa del Mondo di freeski (p.h. Mateusz Kielpinski - FIS)
Milano è una delle tre tappe di Coppa del Mondo di freeski (p.h. Mateusz Kielpinski – FIS)

Venerdì 17 novembre, a partire dalle 15.30, ci saranno le prove degli atleti (fino alle 21), mentre sabato 18 novembre, dalle 9.00, le qualifiche e le finali di Coppa del Mondo maschile e femminile (diretta su Rai Sport 1 dalle 19 e su Eurosport Italia). Sabato 18 novembre, dopo le gare, grande chiusura con lo showcase, a partire dalle 21, di Radio Number One con ospite Baby K. 20 € in Platea, 12 Lake Arena.

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 16 novembre 2017
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 16 novembre 2017

L’articolo sulla Coppa del Mondo di snowboard

Photo Credits: Ufficio Stampa Big Air Milan