Gli ori di Kiev sono le medaglie più belle (p.h. profilo personale fb Elena Bertocchi)

«Ora Milano mi conosce…»

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

Il 2017 è l’anno Elena Bertocchi: la tuffatrice meneghina, classe’94, agli Europei di Kiev ha ottenuto due ori, nel trampolino 1 metro e nel sincro mistro 3 metri, mentre ai Mondiali di Budapest è arrivata terza nel trampolino 1 metro. A coronamento di questo percorso la campionessa milanese giovedì 7 dicembre riceverà l’Ambrogino d’oro, prestigioso riconoscimento assegnato dal Comune di Milano alle eccellenze della città della Madonnina.

Complimenti Bertocchi è felice per l’Ambrogino d’oro?

Elena Bertocchi è molto carica in vista di Budapest (p.h. profilo personale fb Elena Bertocchi)

«Sono molto felice ed emozionata, perchè dopo la medaglia di bronzo ai Mondiali sono tornata a casa, sperando di ricevere più richieste, più partecipazioni ad aventi, invece Milano non sapeva neanche di avere una vice campionessa europea nel 2016, due volte campionessa europea nel 2017 e medaglia di Bronzo ai Mondiali! Un giorno, per caso, all’inaugurazione della palestra Zero-Gravity a Milano, ho conosciuto Caterina Antola, presidente del municipio 3 di Milano, la quale si è subito interessata a me, e dopo avermi fatto molte domande sulla mia carriera sportiva, ha deciso di inserirmi nella lista dei probabili vincitori all’Ambrogino d’oro. Alla fine, grazie al municipio 3, sono riuscita a raggiungere anche questo traguardo ed a essere un’eccellenza milanese».

Quale è stata la medaglia più bella di questa stagione?

Elena Bertocchi è molto carica in vista di Budapest (p.h. profilo personale fb Elena Bertocchi)

«Senza dubbio il bronzo mondiale dal trampolino di 1 metro ottenuto a Budapest»

Per essere più competitivi, a livello internazionale, cosa bisogna cambiare a Milano?

Agli Europei Bertocchi ha ottenuto due ori (p.h. profilo personale fb Elena Berto

«Milano è la mia città, piena di mura, teatri, monumenti, sempre pronta a cambiare in meglio, cerca di stare al passo con le migliori città estere, ma perchè non nell’ambito sportivo? Perchè non costruire una piscina olimpionica di tuffi? Così potremmo ospitare anche noi delle gare nazionali ed internazionali.
Se vogliamo dare visibilità agli sport minori, bisogna fare qualcosa, ripartire dalle basi e iniziare a investire maggiori risorse, pensando soprattutto alle future generazioni».

L’appuntamento più importante del 2018 quale sarà?

L'articolo uscito il 5 dicembre 2017 su "Il Giorno" edizione di Milano
L’articolo uscito il 5 dicembre 2017 su “Il Giorno” edizione di Milano

«Per noi tuffatori saranno gli Europei ad Edimburgo, perchè a Glasgow, dove gareggeranno i nuotatori, non c’è la piscina di tuffi. Il campionato continentale sarà la prima settimana di agosto».

Photo Credits: profilo Fb Elena Bertocchi

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *