Inaugurazione 2

La Zero Gravity non si ferma più

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

I numeri non sempre sono il ritratto perfetto della realtà, ma aiutano a capire bene la dimensione e la forza di un progetto. Il successo della Zero Gravity, la palestra più grande d’Italia, e una delle maggiori in Europa, dedicata agli sport acrobatici e di freestyle, non sembra finire. L’idea è nata nel 2011 da un’intuizione di Andrea Poffe, ingegnere con una brillante carriera a Wall Street alle spalle, ma guidato da sempre da un’irrefrenabile passione per la montagna e gli sport estremi acrobatici.

La nuova sede della Zero Gravity, inaugurata lo scorso 22 settembre (p.h. sito ufficiale Zero Gravity)
La nuova sede della Zero Gravity, inaugurata lo scorso 22 settembre (p.h. sito ufficiale Zero Gravity)

Dopo la primissima sede in viale Zara (che contava solo 200 tesserati), e la successiva espansione nel Centro Sportivo Crespi, in via Peroni, con i suoi 700 metri quadrati, dal 22 settembre scorso la Zero Gravity ha una nuova casa, a 200 metri dalla vecchia, ma molto più grande e polifunzionale. La nuova struttura, infatti, è composta da 4.000 mq divisi in “Academy” per i bambini e i principianti, dove è attrezzata con strutture studiate per l’alfabetizzazione motoria, oltre alla parte “Master” per l’attività corsistica e l’allenamento degli agonisti di alto livello. A completare il centro, oltre a 4 sale polifunzionali, un ampio parco verde di 6.000 mq con 3 campi da beach volley. Un successo scritto, come ha dimostrato la recente visita dell’ex premier Renzi lo scorso 15 novembre.

L'ex premier Matteo Renzi lo scorso 15 novembre in visita alla Zero Gravity (p.h. sito ufficiale Zero Gravity).
L’ex premier Matteo Renzi lo scorso 15 novembre in visita alla Zero Gravity (p.h. sito ufficiale Zero Gravity).

Un centro eccellente dove si possono trovare eccellenze sportive. Qui si allena la tuffatrice meneghina Elena Bertocchi, lo scorso anno due ori agli Europei di Kiev e un bronzo ai Mondiali di Budapest (da poco premiata con l’Ambrogino d’oro), gli atleti della nazionale giovanile di tuffi, oltre ai fuoriclasse del wakeboard – una disciplina acquatica che nasce dalla «fusione» dello sci nautico e dello snowboard– come le gemelle milanesi Alice e Chiara Virag da anni ai vertici internazionali di questo sport.

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 14 dicembre 2017
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 14 dicembre 2017

Photo Credits: sito ufficiale Zero Gravity.

L’articolo uscito su Mi-Tomorrow.

Rivoluzione Zero Gravity.

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *