Rhinos Milano per il riscatto

Riscatto: è questo l’imperativo in casa Rhinos Milano. Gli ex campioni d’Italia debutteranno domenica 4 marzo (alle 14) sul campo dei Lions Bergamo e si presentano al via della I Divisione di football americano con tante novità. Dopo due stagioni sotto la guida di Chris Ault (l’ultimo a vincere l’Italian Bowl 2016 dopo 26 anni di digiuno), la panchina dei rinoceronti è stata riaffidata a Roberto D’Ambrosio. Un head coach dal passato nero arancio al 100% perchè il capo allenatore è stato anche linebacker nelle fila dei Rhinos, oltre a defensive coordinator nel 2009 e capo allenatore nel 2011 e 2012. Un allenatore carismatico e molto amato dai giocatori, che avrà il compito di riportare i rinoceronti a contendersi il titolo italiano, sfuggito di soli 8 punti in finale contro i «cugini» Seamen (37-29):

Roberto D'Ambrosio è pronto (p.h. profilo personale Fb)
Roberto D’Ambrosio è pronto (p.h. profilo personale Fb)

«Per me è un grande onore essere stato richiamato dai Rhinos» commenta felice Roberto D’Ambrosio.

Il coaching staff sarà completamente italiano perchè il defensive coordinator sarà Pietro Marotta, mentre l’offensive coordinator Matteo Piccoli. Anche il roster è completamente cambiato rispetto alla scorsa stagione come confermano le scelte degli import americani. A dettare le geometrie in mezzo al campo ci sarà il quarterback Kevin Ellison, mentre in linea difensiva il linebacker Matt Conroy. Infine in attacco l’oriundo canadese Stefano Napolitano. In attesa che il Vigorelli sia pronto per il 2019 (come per i Seamen), il campo di casa sarà a Limbiate.

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 28 febbraio 2018
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 28 febbraio 2018

L’articolo uscito su Mi-Tomorrow.

Photo Credits: Pagina Fb Rhinos Milano

Ecco “La notte degli emergenti”

Grande spettacolo al Teatro Principe: domenica 18 febbraio nella bomboniera di viale Bligny andrà in scena “La notte degli emergenti”. Il primo Italian Fighting Championship è organizzato dalla neonata promotion italiana di mixed martial arts (arti marziali miste). Domenica 18 febbraio andrà in scena un vero e proprio showtime dei migliori giovani talenti italiani da tenere d’occhio per il futuro in cinque diverse divisioni di peso. Nel main event il barese Francesco Nuzzi (4-1) sfiderà il moldavo Petru Biclea (4-2) nei pesi gallo (61 kg) su cinque riprese da tre minuti.

La locandina dell'evento del 18 febbraio al Teatro Principe
La locandina dell’evento del 18 febbraio al Teatro Principe

Biclea è reduce dal match più spettacolare della sua carriera contro Panzetta, che ha scomodato paragoni con Frye vs Takayama. L’azzurro Nuzzi, invece, a soli 21 anni vanta già una prestigiosa vittoria in Cina. Le emozioni non mancheranno e da questo match uscirà ufficialmente un contendente alla cintura dei pesi galli che verrà messa in palio il prossimo 5 maggio con un torneo tutto in una notte. Oltre a loro, altri cinque combattimenti professionistici animeranno la gabbia del Principe, preceduti da ben otto incontri dilettantistici del tabellone preliminare. Le prime schermaglie saranno dalle 17, mentre dalle 20 si farà sul serio con la main card. Info ticket su https://www.eventbrite.it.

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 14 febbraio 2018
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 14 febbraio 2018

Boxe, Maxim Prodan ci riprova

AL PRINCIPE IL RE-MATCH CONTRO LARGACHA

La rivincita è servita: dopo il pareggio dello scorso 27 maggio, sabato 17 febbraio al Teatro Principe andrà in scena nel clou il re-match tra Maxim Prodan (12-0-1) e il panamense Manuel Largacha (8-7-5) sulle otto riprese nei pesi superleggeri. L’ex campione dei Caraibi dei pesi superleggeri WBA è stato l’unico avversario che finora non è riuscito a battere il pugile italoucraino: nel loro primo scontro, sempre nella bomboniera di viale Bligny, i due combattenti diedero vita ad una spettacolare battaglia sulla distanza delle otto riprese conclusasi in parità.

Il presidente Cherchi durante un combattimento (p.h. Renata Romagnoli)
Il presidente Cherchi durante un combattimento (p.h. Renata Romagnoli)

«Il primo combattimento ha entusiasmato il pubblico – spiega Alessandro Cherchi, presidente della Pbe – ma ha lasciato l’amaro in bocca a Maxim Prodan che non era al top della forma ed ha dovuto accontentarsi di un pari. Maxim mi ha chiesto di organizzare la rivincita perché è sicuro di poter battere Largacha ed io l’ho accontentato».

Il fuoriclasse della Opi Since 82 è pronto per la battaglia:

«Sferravo un paio di pugni e poi stavo fermo subendo la sua reazione – ricorda -. Invece, avrei dovuto insistere o allontanarmi con dei movimenti laterali, avrei dovuto muovere il tronco per diventare un bersaglio difficile da colpire. Su questo ho lavorato tanto in palestra con il mio maestro».

Inoltre sul ring meneghino, il pubblico potrà assistere ad altri tre combattimenti: il peso superwelter Samuel Nmomah (5-0) e il peso medio Joshua Nmomah (al debutto, è il fratello gemello di Samuel) combatteranno sulla distanza delle sei riprese, mentre il peso superpiuma Leonardo Faretina (1-0) sosterrà un match sulle quattro riprese. In apertura, cinque incontri fra dilettanti a scaldare il pubblico meneghino. La manifestazione inizierà alle 18.00: i biglietti costano 30 euro (sedia Vip) e 25 euro (balconata) e si possono acquistare presso l’Opi Gym (Corso di Porta Romana 116/A, telefono 02-89452029) e il negozio della Leone 1947 (Via Crema 11, telefono 02-58315791).

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 14 febbraio 2018
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 14 febbraio 2018

Photo Credits immagine in evidenza: Lorenza Cerbini