Zahradka 7

«Possiamo vincere tutto»

Seguimi su Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeinstagram

IN ESCLUSIVA IL QB DEI SEAMEN LUKE ZAHRADKA

«Ciao Milano, sono pronto per un’altra grande stagione». Luke Zahradka, qb americano ma con passaporto italiano grazie ai nonni materni, campione d’Italia lo scorso anno con i Cisalfa Seamen Milano ed MPV dell’Italian Bowl, durante l’intervista rassicura con il suo italiano – misto inglese: «Devo migliorare la mia proprietà di linguaggio, ma in campo con i compagni ci capiamo già alla perfezione: non vediamo l’ora di giocare».

Zahradka sabato 17 marzo (alle 19) ci sarà l’esordio stagionale, a Però, contro i Giants Bolzano, una delle favorite per l’Italian Bowl. Che partita si aspetta?

Zahradka MPV dell'Italian Bowl 2017 (p.h. Seamen Milano)
Zahradka MPV dell’Italian Bowl 2017 (p.h. Gaia Andrea Re)

«Ho visto i video del loro ultimo match vittorioso contro i Lions Bergamo: hanno una difesa molto forte, superiore anche all’attacco. Sono convinto che se la nostra difesa funzionerà, e se il reparto avanzato farà il suo, possiamo ottenere la posta in palio».

Che campionato si aspetta?

Zahradka è alla sua seconda stagione con i Seamen Milano (p.h. Dario Fumagalli)
Zahradka è alla sua seconda stagione con i Seamen Milano (p.h. Dario Fumagalli)

«Molto di più difficile rispetto allo scorso anno: siamo i campioni  in carica e le squadre che affronteremo faranno di tutto per batterci. Noi dovremo sempre giocare al 100%. Dobbiamo pensare ad una partita alla volta, come si dice in inglese: “step by step”».

Sarete impegnati nell’European Football League (Efl), la coppa europea che mette di fronte i vincitori dei propri campionati nazionali: Italia o Europa?

I Seamen campioni d'Italia a Vicenza 2017 (p.h. ufficio stampa Seamen Milano)
I Seamen campioni d’Italia a Vicenza 2017 (p.h. ufficio stampa Seamen Milano)

«Abbiamo i mezzi e le qualità per vincere sia l’Italian Bowl che l’Euro Bowl».

Da quatto anni (3 titoli ai Seamen e 1 ai Rhinos) lo scudetto è di casa a Milano: cosa crede determi lo strapotere della città meneghina?

Milano capitale del football in Italia (p.h.
Milano capitale del football in Italia (p.h. ufficio stampa Seamen Milano)

«Penso sia una serie di fattori: sicuramente il fatto che Milano è così grossa, considerando anche il suo hinterland, permette di avere un maggiore bacino di persone in grado di praticare questo sport. Di conseguenza, oltre ad esserci più praticanti, c’è anche maggiore attenzione e seguito».

Quest’anno è alla sua seconda stagione con i Seamen Milano: è la sua seconda casa?

Per Zahradka i Seamen Milano sono diventati una seconda casa
Per Zahradka i Seamen Milano sono diventati una seconda casa (p.h. Valentina)

«Mi trovo molto bene con tutti, dai magazzinieri all’allenatore: i Seamen sono una grande famiglia e per me è stato un onore e un piacere essere tornato qui».

Lei ha girato molto perché ha giocato anche in Austria, Germania e Francia. Qual è il football migliore d’Europa?

Zahradka ha giocato anche in Germania e Francia (p.h. Dario Fumagalli)
Zahradka ha giocato anche in Germania e Francia (p.h. Dario Fumagalli)

«In Germania il movimento è molto sviluppato perché le squadra hanno nel roster tanti giocatori americani: negli Stati Uniti giochiamo a football fin da piccoli, un po’ come qui con il calcio. Per questo il livello della German Football League è eccezionale. Anche qui in Italia in questi ultimi anni è cresciuto: basti pensare che lo scorso anno, nella prestigiosa Big6, abbiamo battuto i Berlino Rebels allo Stadio Breda di Sesto San Giovanni. La strada è ancora lunga, ma il percorso intrapreso è quello giusto».

Un giorno vorrebbe giocare al Velodromo Vigorelli?

L'articolo uscito su Mi-Tomorrow del 15 marzo 2018
L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 15 marzo 2018

«Si mi piacerebbe che un giorno, spero presto, i Seamen tornino a casa».

Photo Credits immagine in evidenza: Dario Fumagalli.

L’articolo uscito su Mi-Tomorrow.

Condividi su Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato da

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "Il Giorno", "Mi-Tomorrow" e "Il Giornale". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *