Torna il derby d’Italia: Seamen Milano-Panthers Parma sfida mai banale in I Divisione

Seguimi su Facebooktwitterlinkedinyoutubeinstagram

Quando si incontrato c’è sempre di mezzo un bersaglio importante. Cisalfa Seamen Milano e Panthers Parma non si sfidano mai per cose banali. I due team di I Divisione, in passato, si sono affrontati per l’Italian Bowl, come successo nel 2013, con la vittoria degli emiliani, o nel 2014 e 2015 con i successi meneghini. Sabato 6 aprile, alle 18.00, nella splendida cornice del Velodromo Vigorelli, i marinai ospiteranno le pantere per la quarta giornata del torneo. In palio per i padroni di casa la possibilità di continuare a guidare la I Divisione, mentre per gli ospiti il rilancio nelle prime posizioni in ottica play off.

Danilo Bonaparte (p.h. Dario Fumagalli).

«Sicuramente i Panthers non hanno iniziato bene il campionato – sottolinea il running back Danilo Bonaparte -, ma per noi rimane un avversario storico. Ci piace definirlo il “Derby d’Italia” perché esiste una rivalità sportiva che va avanti da molti anni come hanno dimostrato le tre finali tricolori. Non dobbiamo sottovalutarli».

LA CLASSIFICA: Seamen Milano e Giants Bolzano 3-0; Guelfi Firenze 2-0; Ducks Lazio 2-1; Panthers Parma e Lions Bergamo 1-2; Giaguari Torino e Warriors Bologna 0-2 e Dolphins Ancona 0-3.


L’articolo uscito su Mi-Tomorrow del 5 aprile 2019

Photo Credits immagine in evidenza: Dario Fumagalli

Condividi su Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "La Repubblica", "Mi-Tomorrow" e "Il Giorno". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *