Daniele Cassioli e Pietro De Maria a caccia di titoli al Mondiale di Sci Nautico di Skarnes

Seguimi su Facebooktwitterlinkedinyoutubeinstagram

E’ l’ora della verità per gli sciatori lombardi: da giovedì 25 luglio, e fino a domenica 28 luglio, Daniele Cassioli e Pietro de Maria saranno impegnati ai Mondiali di sci nautico disabili di Skarnes. Si parte alle 9.00 con le qualifiche. Il primo, 32 anni di Gallarate, è il campione del mondo uscente (cat. vision impaired) in slalom, figure salto e combinata (22 titoli mondiali nelle diverse specialità dall’inizio della carriera agonistica):

«Sono pronto – esordisce -. Vincere non è mai facile, confermarsi lo è ancora di più. Dovrò fare il massimo per confermarmi e non sarà facile. Affronterò questo Mondiale con grande umiltà: gli anni passano, non sono più giovanissimo, ma ho l’esperienza dalla mia parte».

Pietro De Maria, comasco, nel 2017 ha conquistato la medaglia d’argento in slalom seated, la categoria più numerosa e competitiva della rassegna intercontinentale in Norvegia:

«E’ la mia gara preferita da sempre – conclude -. Inoltre, visto il poco tempo esiguo a disposizione, ho preparato solo lo slalom. Dallo scorso anno, da quando sono diventato papà di Gemma, le priorità nella mia vita sono cambiate».

Link per seguire i risultati live:
http://www.iwwfed-ea.org/disabled/19IWWFD01/

Photo Credits immagine in evidenza: ufficio stampa Fisw.

Condividi su Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

lorenzo

Toscano di origine e milanese d'adozione, scopre il giornalismo sportivo nel 2012 e dal novembre 2014 è giornalista pubblicista. Laureato in giurisprudenza, specializzato in ambito sportivo, amante del mondo acquatico e istruttore di nuoto, collabora per testate come "La Repubblica", "Mi-Tomorrow" e "Il Giorno". Da sempre è appassionato degli sport cosiddetti minori quali nuoto, pallanuoto, sci nautico e altri. http://www.lorenzopardini.it è una sfida per portare alla ribalta gli "Altri Sport", sport poco seguiti dai media tradizionali e con scarso ritorno economico, ma in realtà bellissimi e ricchi di vitalità. @LorenzPardini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *