Boneswimmer: la moda entra in vasca con i costumi di Deda

In esclusiva abbiamo sentito Deda, creatrice di Boneswimmer, un’azienda di costumi nata dal nulla nel 2004 e che oggi ha un fatturato vicino ad 1 milione di euro, produce 35.000 pezzi all’anno, ha ben 8 dipendenti assunti e vanta amicizie importanti nel mondo del nuoto come Federica Pellegrini e Filippo Magnini.

Continua a leggere Boneswimmer: la moda entra in vasca con i costumi di Deda

Alla conquista dell’Europa, Giovanni in missione a Londra

Sembra un predestinato. E non è una novità. Lo scorso anno Giovanni Brazzale, all’esordio nelle competizioni master di nuoto, ottenne un oro e due bronzi nei master 30 ai Campionati Italiani di Riccione.

L'articolo uscito sullo sport del Il Giorno Grande Milano del 30 giugno 2015
L’articolo uscito sullo sport del Il Giorno Grande Milano (QS) del 30 giugno 2015

Quest’anno, invece, il classe’83 di Pieve Emanuele ha alzato il tiro perché parteciperà ai campionati Europei di Londra. Il 32enne pievese, che partirà martedì 24 maggio per il Regno Unito, è pronto per gareggiare e confrontarsi anche contro i campioni master del vecchio continente:

«Non vedo l’ora di essere in acqua. E’ da quando ho partecipato agli Italiani dello scorso anno che aspetto quest’appuntamento e darò il massimo».

Giovanni sarà in gara negli 800 stile libero, dove è campione italiano in carica, oltre ai 400 sl e 200 delfino:

Giovanni è campione italiano negli 800 sl master 30
Giovanni è campione italiano negli 800 sl master 30

«Punto molto sui 200 delfino perché saranno la mia prima gara e cercherò di sfruttare la mia maggiore freschezza fisica. Inoltre ci tengo a fare molto bene i 400 stile libero perché gareggerò nel magico London Aquatics Centre dell’Olympic Park, le piscine che sono state teatro delle Olimpiadi di Londra 2012, e che nella settimana precedente le nostre competizioni hanno ospitato i Campionati Europei Assoluti».

"Gio Braz" punta soprattutto sui 200 delfino
“Gio Braz” punta soprattutto sui 200 delfino

La preparazione del fuoriclasse di Pieve Emanuele – che nella vita di tutti i giorni è un istruttore e allenatore di nuoto – in questi mesi è stata minata da alcuni problemi fisici:

L'articolo uscito sullo sport del Il Giorno Grande Milano (QS) del 20 maggio 2016
L’articolo uscito sullo sport del Il Giorno Grande Milano (QS) del 20 maggio 2016

«Non arrivo al massimo della condizione fisica, ma non ho paura del confronto con gli avversari e sono pronto a dare il massimo. Se non ho mollato, lo devo tutto ad Antonio D’Alessio, mio amico e allenatore, che mi ha sempre spronato ad andare avanti nelle difficoltà incontrate. Nelle ultime gare che ho affrontato ho raggiunto dei risultati molto importanti, a livello di tempi e medaglie, e sono sicuro che con la testa saprò compensare le mie carenze a livello fisico».